Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Festa della Repubblica Italiana - Salons de l'Hôtel de Ville di Lione

Date:

13/06/2019


Festa della Repubblica Italiana - Salons de l'Hôtel de Ville di Lione

Nella splendida sede dell'Hotel de Ville, si é tenuto il 3 giugno il ricevimento per il 73mo anniversario della Festa della Repubblica, organizzato congiuntamente da questo CG e dall'IIC. Oltre 300 persone hanno gremito gli amplissimi spazi. Il Vice-Sindaco delegato per le Relazioni Internazionali e Vice-presidente della Metropoli, sig.ra Dognin-Sauze, ha tenuto un apprezzato discorso sull'importanza e la ricchezza delle relazioni di Lione con l'Italia, che affondano le radici sin dai tempi dell'Impero Romano (l'Imperatore Claudio, sul quale é in corso una mostra all'Ara Pacis di Roma, e che per tre mesi nell'inverno scorso é stata ospitata presso il Musée des Beaux arts, era nato a Lugdunum, la Lione dei Romani) e soprattutto nel Rinascimento, grazie all'opera dei banchieri e degli artigiani e mercanti fiorentini. Nel mio intervento ho sottolineato l'importanza della ripresa ad alto livello dei rapporti politici tra Italia e Francia, culminata nella visita del Presidente Mattarella il 2 maggio a Parigi e nei castelli della Loira in occasione del 500 anniversario della morte di Leonardo da Vinci. Dopo l'esecuzione degli inni nazionali, il pianista Paolo Fornasier ha dato vita ad un'applauditissimo concerto di pianoforte, interpretando in chiave jazzistica brani di Morricone, Paolo Conte, Modugno, de Gregori, Dalla e suoi personali. Hanno partecipato, oltre alle autorità francesi, numerosissimi Consoli Generali ed Onorari, i rappresentanti delle collettività italiane dalle varie città della circoscrizione di questo Consolato Generale (Presidenti e membri Comites, esponenti di Associazioni e Patronati), funzionari delle due organizzazioni internazionali con sede a Lione (INTERPOL E IARC) e giornalisti di Euronews, professori di scuole in cui si insegna l'italiano e lettori universitari, i Presidenti delle Dante Alighieri di Lione e Chambéry e dell'Ente Gestore API di Chambéry. Il ricevimento, apprezzatissimo dal pubblico ed a base di prodotti esclusivamente italiani, é stato organizzato dal ristorante " Tipico", mentre "Qui grocery" (società dall'imprenditrice Grazia Carrozzo) ha fornito i prodotti pugliesi e "La Piada" le apprezzatissime piadine romagnole. Per la prima volta questo Consolato Generale ha fatto ricorso agli sponsors, che hanno fornito le bevande alcooliche (ditta Val d'Oca) ed analcooliche (Galvanina) ed i gelati (Amorino).


538