Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Elezioni Europee

 

Elezioni Europee

ELEZIONI EUROPEE 2019

fanesina

Cliccando sull'immagine qui sopra si accede a tutte le informazioni dedicate alle elezioni europee, pubblicate sul sito internet della Farnesina.

 

DUPLICATI CERTIFICATI ELETTORALI

Gli elettori che, entro il 21 maggio 2019 non avranno ricevuto al proprio domicilio il certificato elettorale, potranno chiedere a questo Ufficio consolare la verifica della propria posizione elettorale e l’eventuale certificato sostitutivo di ammissione al voto.  
L'eventuale richiesta di duplicato potrà essere fatta inviando la domanda, corredata dalla copia di un documento d'identità, all'indirizzo elettorale.lione@esteri.it

Fac-simile richiesta duplicato

 ► Gli avvisi sulle agevolazioni di viaggio in favore degli elettori residenti all'estero in occasione delle prossime elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo e per le elezioni che si terrannonelle stesse date sono pubblicati in una pagina dedicata del sito dell'Amministrazione consultabile cliccando qui

 

Elezioni europee 2019 - Divieto di doppio voto.

Si richiama, anche quale norma di linguaggio in relazione ad eventuali richieste da parte dei connazionali, il divieto di doppio voto disposto sia dalle istituzioni dell'Unione Europea che dalla legge italiana.

In particolare:

  1. chi vota per i candidati al Parlamento Europeo del Paese di residenza non potrà votare anche per quelli italiani, e viceversa;
  2. chi vota per i candidati italiani presso le sezioni elettorali istituite all’estero dagli Uffici diplomatico-consolari non potrà farlo  anche presso le sezioni elettorali in Italia, e viceversa.
  3. nessuno può votare più di una volta nel corso delle medesime elezioni: gli elettori in possesso di più cittadinanze di Paesi membri dell’Unione Europea possono esercitare il loro diritto di voto per i candidati di UNO SOLO degli Stati di cui sono cittadini. In pratica essi possono scegliere per quali candidati esprimere il proprio voto, senza necessariamente esercitare una opzione espressa, ma non possono in alcun caso votare più volte, pena le sanzioni penali previste dalla legislazione di ciascun Paese.

Si richiamano i riferimenti normativi delle disposizioni sopra enunciate:
A) Art. 9 dell’Atto del Consiglio del 20 settembre 1976 (Decisione 76/787/CECA, CEE, Euratom): "Per l’elezione dei membri del Parlamento europeo ciascun elettore può votare una sola volta";

B) Art. 49 della Legge 18/1979: "Chi, in occasione della elezione dei membri del Parlamento europeo, partecipa al voto per l'elezione dei membri spettanti all'Italia e per l'elezione dei membri spettanti ad altro Paese membro della Comunità, è punito con la reclusione da 1 a 3 anni e con la multa da Euro 51 a Euro 258";

C) Art. 4 della Direttiva 93/109/CE del Consiglio dell'Unione Europea del 6 dicembre 1993: "L'elettore comunitario esercita il diritto di voto nello Stato membro di residenza o nello Stato membro d'origine. Nessuno può votare più di una volta nel corso delle stesse elezioni. Nessuno può presentarsi come candidato in più di uno Stato membro nel corso delle stesse elezioni";

D) Art. 3, comma 1, del Decreto Legge 408/1994, convertito in Legge 483/1994: "Gli elettori italiani residenti negli altri Paesi membri dell'Unione, che non intendano avvalersi della facoltà di esercitarvi il diritto di voto e che siano iscritti nell'apposito elenco di cui all'articolo 4, possono votare per la elezione dei rappresentanti dell'Italia al Parlamento europeo presso le sezioni elettorali
appositamente istituite nel territorio dei Paesi stessi".

Si avvisano tutti i connazionali che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ll DPR 22 marzo 2019 "Indizione dei comizi elettorali per l'elezione dei membri del Parlamento Europeo spettanti all'Italia". Ai link seguenti è possibile prendere visione del decreto e del relativo avviso:
DPR 22 marzo 2019
Avviso

 

 ► CLICCA SUL LINK QUI SOTTO PER CONOSCERE LE SCADENZE E MODALITA' PER IL VOTO ALL'ESTERO

 VOTO ALL'ESTERO : SCADENZE E MODALITA'

 

►  ELETTORI RESIDENTI E TEMPORANEI: PROCEDURA PER IL VOTO IN ITALIA

L'art. 38 della Legge 18/1979 prevede che gli elettori residenti e iscritti all'AIRE, sempre che non abbiano optato per il voto a favore dei candidati locali, se rimpatriano possono esprimere il voto presso la sezione nelle cui liste sono iscritti. A tal fine, essi devono comunicare entro il giorno precedente quello della votazione, al sindaco del Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, che intendono votare nel comune stesso. Il sindaco da' atto di tale comunicazione in calce al certificato elettorale ricevuto dall'elettore all'indirizzo estero.
Tale procedura trova applicazione anche nei confronti degli elettori temporaneamente all'estero per studio o lavoro e dei loro familiari conviventi che, pur avendo presentato richiesta per votare presso le sezioni elettorali istituite dalle autorità diplomatico-consolari, abbiano invece successivamente deciso di rientrare in Italia per il voto. Se l'elettore non é in possesso del certificato elettorale, stante la norma citata non potra' essere ammesso al voto in Italia. Nel caso in cui un elettore residente o domiciliato all'estero non riceva il certificato elettorale al proprio domicilio e intenda recarsi a votare in Italia, dovrà pertanto mettersi in contatto con l'Ufficio consolare competente al fine di richiedere un duplicato del certificato elettorale.

 

ELETTORI TEMPORANEI

Elettori presenti temporaneamente nel territorio dei Paesi Membri per motivi di studio o di lavoro (estenzione del diritto di voto anche ai familiari con essi conviventi), per l'esercizio del voto per i candidati Italiani al Parlamento Europeo presso le sezioni elettorali istituite da questo Consolato Generale.

Termine ultimo e inderogabile per la presentazione della domanda : 7 marzo 2019

- Informativa per gli elettori temporanei

- Modulo di domanda

 

 ► CERCASI CANDIDATI PER I SEGGI

In previsione delle elezioni per il rinnovo dei membri spettanti all’Italia nel Parlamento europeo che si terranno IL 24 e 25 maggio 2019, eventuali cittadini italiani disponibili ad operare nei seggi che verranno istituiti presso la circoscrizione consolare di Lione potranno manifestare sin d’ora la loro disponibilità avvalendosi dell’unito modulo.

Informativa per gli eventuali candidati

Modulo di domanda

 

 *-*-*-*-*-*-*-*

La legge 459/2001 sull’esercizio del diritto di voto all’estero non si applica alle elezioni europee, che sono regolate dalla legge 24 gennaio 1979 n.18 e successive modificazioni. Alle elezioni europee non si applica quindi il sistema del voto per corrispondenza: gli elettori italiani aventi diritto e stabilmente residenti nei Paesi dell’Unione Europea, possono infatti recarsi presso le apposite sezioni elettorali istituite in loco dalla nostra rete diplomatico-consolare.

Le elezioni per i rappresentanti italiani del parlamento europeo si svolgeranno venerdi 24 maggio e sabato 25 maggio presso le sezioni elettorali istituite dal Consolato Generale. 

 
Diritto di voto dei cittadini europei 

I cittadini italiani residenti in Francia, regolarmente iscritti all’AIRE, possono scegliere di esercitare il diritto di voto sulle liste elettorali italiani o su quelle francesi. La scelta delle liste elettorali francesi permetterà al cittadino italiano residente in Francia di partecipare all’elezione dei rappresentanti francesi al Parlamento Europeo.

Nel caso di opzione per le liste elettorali francesi, occorre iscriversi entro il 31 marzo 2019 presso il comune francese di residenza nelle liste complementari per i cittadini europei

Si sottolinea che l’opzione di voto per le liste elettorali francesi comporta la cancellazione dalle liste elettorali italiani per le elezioni europee, escludendo pertanto la possibilità di votare per le liste nazionali.

Il cittadino italiano residente in Francia che avesse scelto di iscriversi sulle liste elettorali francesi si impegna a non esercitare il voto in Italia. Si ricorda a questo proposito cheil “doppio voto” è proibito e punibile ai sensi dell’art. 49 della legge 18/1979.

Per informazioni sul diritto di voto dei cittadini europei in Francia consultare il sito
http://vosdroits.service-public.fr/particuliers/F1937.xhtml

Per qualsiasi comunicazione si può fare riferimento alla casella postale elettorale.lione@esteri.it

 

 


33