Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

CERIMONIA COMMEMORATIVA DEL 4 NOVEMBRE

Data:

04/11/2019


CERIMONIA COMMEMORATIVA DEL 4 NOVEMBRE

Domenica 3 novembre il Console Generale Pierangelo Cammarota ha partecipato alle celebrazioni per la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, organizzate dal Consolato Generale in collaborazione con le Autorità locali e con le Associazioni DACI (Descendants des Anciens Combattants Italiens) e ANFCDG (Associazione Nazionale Famiglie Caduti Dispersi In Guerra). Come negli anni precedenti, al mattino la commemorazione si è svolta presso il cimitero della Guillotière, nell'ottavo arrondissement di Lione. Erano presenti: l'assessore Jean Dominique Durand, con delega alla Memoria, in rappresentanza del Sindaco di Lione, la Direttrice dell'Ufficio Nazionale dei Combattenti Magali Molina, il Sindaco dell'ottavo arrondissement Christian Coulon, il Presidente della DACI, Danilo Vezzio, e il Presidente della Sezione AuRA - Lyon dell’ANFCDG, Mario Garzilli, che hanno contribuito attivamente all'organizzazione dell'evento, e le associazioni dei Combattenti, resistenti e deportati dell'ottavo arrondissement. La cerimonia si è svolta nel quadrato italiano del cimitero, di fronte alla statua che dal 1925 ricorda i Caduti italiani sepolti attorno ad essa, restaurata nel 2017 grazie ai fondi di Onorcaduti: ai piedi di essa sono state deposte corone di fiori del Consolato Generale e delle Autorità francesi presenti.

Nel corso della cerimonia, sono state altresì conferite due medaglie “Albo d’Oro” ai familiari dei soldati Francesco Della Vedova e Lino Della Vedova

Nel pomeriggio le celebrazioni si sono tenute presso il Cimitero della Doua a Villeurbanne ed hanno coinvolto come negli anni scorsi anche i rappresentanti della Polonia, del Belgio e del Regno Unito. Il Console Generale ha deposto una corona di fiori sia presso le tombe dei soldati italiani sia presso il monumento in memoria dei soldati fucilati.


546